Articoli Rocco Pindilli

MATCH REPORT: MILAN – JUVENTUS 0-2

@foto by corrieredellosport.it

Allo stadio Meazza di Milano la Juventus affronta il Milan per l’11° giornata del campionato di Serie A. I bianconeri cercano la conferma dopo le vittorie ottenute con Udinese e Spal, mentre i rossoneri vogliono ripetere la buona prestazione offerta col Chievo.

Allegri si affida al 4-2-3-1 con Buffon in porta, Lichtsteiner, Rugani, Chiellini e Asamoah in difesa, Pjanic e Khedira a centrocampo con Cuadrado, Dybala e Mandzukic dietro a Higuain.

Montella risponde con il 3-4-3 con Donnarumma in porta, Zapata, Romagnoli e Rodriguez in difesa, Abate, Kessie, Biglia e Borini a centrocampo e il trio Suso, Kalinic e Calhanoglu davanti.

I rossoneri partono subito fortissimo costringendo la Juventus a tenere il baricentro molto basso e a stare strettissimi, poiché gli uomini di Montella cercavano molto l’imbucata centrale o la superiorità numerica sulle fasce.

Rispetto alle partite affrontate fin qui, la Juventus accetta questa situazione e tiene botta, non correndo particolari pericoli. La difficoltà maggiore per la squadra di Allegri nella prima fase di gara è rappresentata dalla risalita del campo nelle ripartenze. Il pressing alto del Milan costringe i bianconeri a forzare la giocata e questo costa caro in termini di palle perse.

La partita poi si assesta su ritmi più blandi e la Juve prende in mano il pallino del gioco. Il possesso palla viene consolidato facilmente dai bianconeri e arrivano anche le occasioni pericolose. La migliore arriva al 23° con Dybala che serve Higuain al limite dell’area; il Pipita esplode un destro che non lascia scampo a Donnarumma. 1-0 bianconero.

Durante il primo tempo poi la partita è abbastanza equilibrata, con l’alternanza di fasi in cui il Milan prova a pungere i bianconeri e altre in cui la Juve va vicino al 2-0.

A fine primo tempo arriva l’occasionissima per il Milan ma prima Buffon e traversa impediscono la rete a Kalinic e poi Rugani salva su Calhanoglu.

Le squadre vanno così al riposo sull’1-0.

Nella ripresa il copione è lo stesso del primo tempo, con la Juve che prova a consolidare il possesso palla e a trovare la superiorità sulle fasce con cambi di gioco, mentre il Milan prova a ripartire cercando di colpire in transizione.

Al 63° arriva un’altro straordinario gol di Higuain, che di fatto chiude la partita. Non ci saranno più da quel momento grosse emozioni.

La Juventus espugna San Siro con una partita intelligente e di controllo. Il Milan nonostante un atteggiamento propositivo non riesce a pungere a sufficienza una difesa bianconera tornata affidabile.

In particolare la mossa che ha spostato gli equilibri è stata quella di mettere Asamoah e Mandzukic in costante chiusura su Suso. Lo spagnolo è stato isolato e non è mai riuscito a creare situazioni pericolose.

Il Milan mostra ancora difetti strutturali che necessitano di tempo per essere corretti. Ci si chiede solo se questo tempo verrà concesso o meno a Montella.

Rocco Pindilli

Radio Rete
Radio di intrattenimento in onda 24 ore su 24 con una programmazione varia e interessante! Si tratta di musica, attualità, calcio, motori, videogames e tantissimi aneddoti dei nostri simpaticissimi e amatissimi speaker!
http://www.radiorete.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *