Articoli Rocco Pindilli

MATCH REPORT: JUVENTUS – LAZIO 2-0

@Foto by calcionews24.com

Il primo anticipo della 2° giornata della Serie A 2018/2019 vede di fronte all’Allianz Stadium la Juventus e la Lazio. I bianconeri, nel giorno dell’attesissimo debutto di Cristiano Ronaldo in casa, vengono da una rocambolesca vittoria per 3-2 a Verona col Chievo. I biancocelesti, invece, hanno perso in casa 2-1 col Napoli.

Le formazioni

Allegri schiera un 4-3-3 con Szczesny in porta, Cancelo, Bonucci, Chiellini e Alex Sandro in difesa, Khedira, Pjanic e Matuidi a centrocampo e Bernardeschi, Mandzukic e Cristiano Ronaldo in attacco.

Simone Inzaghi risponde col suo solito 3-5-1-1 con Strakosha in porta, Wallace, Acerbi e Radu in difesa, Marusic, Parolo, Lucas Leiva, Milinkovic-Savic e Lulic a centrocampo e Luis Alberto ad agire dietro l’unica punta Immobile.

Un inizio difficoltoso

La Juventus parte con un atteggiamento molto più prudente rispetto alla partita di esordio. Il baricentro è molto più basso e l’uscita del pallone da dietro molto meno pulita rispetto alla gara d’esordio, complici un Alex Sandro in giornata no e l’assenza contemporanea di Douglas Costa e Dybala.

La lazio riesce a portare una buona pressione in avanti e a creare due belle palle gol nel primo quarto d’ora. Vengono ben sfruttati gli errori della squadra campione d’Italia e Szczesny è costretto a due ottime parate.

10 minuti di fuoco

Il match viene sostanzialmente addormentato dalla Juve che riesce a mettersi con due linee strette a 4 tra centrocampo e difesa, lasciando quindi il pallino del gioco alla Lazio ma chiudendo tutti gli spazi, di fatto bloccando la partita.

Di questo atteggiamento ne risente parecchio la fase offensiva. CR7 di sua iniziativa inizia a pressare alto portando la squadra in avanti e recuperando 2 palloni pericolosissimi sulla trequarti, che portano prima al palo di Khedira, seguito subito dopo da un grandissimo sinistro di Bernardeschi parato alla grande da Strakosha. Arriva poco dopo il gol del vantaggio di Miralem Pjanic, che di destro al volo mette il pallone in porta dal limite dell’area di rigore.

Gestione prudente

La Lazio prova a reagire ma l’atteggiamento difensivo della Juve che serra le linee per difendere il vantaggio porta pochissimi pericoli dalle parti di Szczesny, causando una sorta di nuovo stallo del match.

CR7 on fire

Il secondo tempo è sostanzialmente un monologo di Cristiano Ronaldo che, complice l’ingresso di Douglas Costa, trova una transizione difesa-attacco più rapida e più efficace. Il portoghese si rende pericoloso sia in veste di assist-man (con Mandzukic poco preciso) sia di finalizzatore, con un tiro meraviglioso che Strakosha toglie letteralmente da sotto la traversa.

Finale in crescendo

Nel ‘quarto d’ora finale la Juve trova il raddoppio con una meravigliosa combinazione in velocità tra Douglas Costa e Cancelo, che porta il portoghese a servire in area Cristiano Ronaldo che sbaglia da pochi passi un gol che sembrava facile (in realtà Strakosha è bravissimo a spostargli il pallone e a scoordinarlo). Arriva però da dietro Mario Mandzukic che gira al volo in porta il pallone del 2 a 0.

Spazio nel finale anche a un bel tentativo di Bentancur alto sopra la traversa.

 

La Juve ancora in pienissimo rodaggio tiene botta a un inizio di partita molto positivo della Lazio. Ottima gestione del primo tempo e match chiuso nella ripresa. Passo indietro dal punto di vista del gioco rispetto a quanto visto a Verona, ma la fisicità della Lazio e la condizione atletica molto poco brillante di tanti uomini chiave di Allegri possono spiegare l’atteggiamento dei bianconeri.

Ora ci sarà la trasferta a Parma, poi la sosta nazionali e l’inizio della “vera” stagione.

Rocco Pindilli

Radio Rete
Radio di intrattenimento in onda 24 ore su 24 con una programmazione varia e interessante! Si tratta di musica, attualità, calcio, motori, videogames e tantissimi aneddoti dei nostri simpaticissimi e amatissimi speaker!
http://www.radiorete.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *