Articoli Rocco Pindilli

MATCH REPORT: JUVENTUS – CROTONE 3-0

@foto by lastampa.it

Allo Juventus Stadium si affrontano per la 37esima giornata di Serie A la Juventus, che punta a chiudere matematicamente il discorso scudetto, e il Crotone, che vede le speranze di salvezza appese a un filo.

Allegri si affida al 4-2-3-1 con Buffon in porta, Dani Alves, Bonucci, Benatia, Alex Sandro in difesa, Pjanic e Marchisio a centrocampo e il trio Cuadrado, Dybala, Mandzukic dietro a Higuain.

Nicola risponde con un 4-4-2 con Cordaz in porta, Rosi, Ceccherini, Ferrari e Martella in difesa; Rohden, Barberis, Crisetig e Nalini a centrocampo, col duo Falcinelli-Tonev in attacco.

La Juventus prende in mano il gioco dai primissimi minuti e cerca di imporre alla partita un ritmo alto, sfruttando lo spazio tra le linee lasciato dai calabresi con i movimenti di Dybala e Higuain e l’apporto sulle fasce dei terzini e degli esterni alti.

E’ proprio su una situazione del genere che la Juventus al 12° minuto trova il gol del vantaggio: Cuadrado si invola sulla fascia e mette sul secondo palo un cross forte e teso, su cui si avventa Mario Mandzukic, che festeggia così nel migliore dei modi il suo compleanno.

Il Crotone prova a reagire subito ma inevitabilmente lascia spazi per le ripartenze bianconere, che però non creano particolari pericoli alla porta di Cordaz.

Gli uomini di Allegri, trovato il vantaggio, preferiscono gestire il pallone e abbassare i ritmi, pronti ad accelerate improvvise volte a sorprendere la retroguardia dei rossoblu.

Proprio su una di queste situazioni tattiche si crea l’occasione per il raddoppio. Cuadrado si conquista una punizione dal vertice destro dell’area di rigore e Dybala la trasforma con un meraviglioso sinistro a giro. Finisce così il primo tempo.

Nella ripresa la trama di gioco non cambia, con la Juve che ha diverse occasioni per fare il 3-0 sfruttando le uscite dalla difesa in palleggio e gli scambi sulla trequarti avversaria.

Il Crotone prova a fare il suo e va vicino al gol in un paio di occasioni.

Dopo i cambi la Juve passa al 3-4-2-1, con il trio Dani Alves-Dybala-Higuain che si scatena.

All’83° sugli sviluppi di un corner Alex Sandro fa 3-0 (con l’aiuto della Gol Line Technology) e chiude definitivamente il discorso.

La Juventus si aggiudica quindi anche il suo 35° Scudetto sul campo, entrando nella leggenda del calcio italiano. Mai nessuno fino ad ora aveva vinto 6 titoli di fila. Proprio nel decennale della promozione dalla serie B è una vittoria che ha un sapore molto particolare per i tifosi della Juventus.

E’ anche il terzo double di fila: altro record; battuto infatti quello dello scorso anno. Mai nessuno aveva vinto per tre volte di fila campionato e Coppa Italia.

Ora, finalmente, la testa di squadra e tifosi può andare al 3 giugno, quando a Cardiff si sfiderà il Real Madrid per provare a riportare la Champions League a Torino.

In mezzo solo la passerella di Bologna, che sarà utile per dare spazio a chi ha giocato meno e a testare le condizioni fisiche di coloro che non sono al meglio.

Rocco Pindilli

Radio Rete
Radio di intrattenimento in onda 24 ore su 24 con una programmazione varia e interessante! Si tratta di musica, attualità, calcio, motori, videogames e tantissimi aneddoti dei nostri simpaticissimi e amatissimi speaker!
http://www.radiorete.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *