Articoli Rocco Pindilli

MATCH REPORT: JUVENTUS – CROTONE 3-0

@foto by ansa.it

All’Allianz Stadium di Torino va in scena il posticipo della 14° giornata del campionato di Serie A con la Juventus che ospita il Crotone.

Allegri conferma il 3-4-2-1 visto con il Barcellona ma cambia gli interpreti. Giocano Buffon in porta, Barzagli, Howedes, Benatia in difesa; a centrocampo ci sono Lichtsteiner, Marchisio, Matuidi e Alex Sandro e davanti Dybala e Douglas Costa supportano Mandzukic unica punta.

Nicola risponde con un 3-5-2 con Cordaz in porta, Sampirisi, Ajeti e Ceccherini in difesa, Nalini, Rohden, Barberis, Mandragora e Pavlovic a centrocampo e Tonev in attacco con Budimir.

Lo sviluppo della partita va esattamente secondo quanto si poteva prevedere. E’ praticamente un monologo dei bianconeri con la squadra di Allegri che domina letteralmente ma è imprecisa nel trovare l’ultimo passaggio.

Douglas Costa appare in palla soprattutto nella prima mezz’ora e crea molto. Il Crotone difende a 2 linee serrate e non prova minimamente a ripartire.

Il risultato è che la palla ce l’ha sempre la Juve (a fine partita il possesso palla sarà addirittura all’81%). I bianconeri tuttavia sono molto lenti nel girare il pallone e soprattutto sulla catena di destra Lichtsteiner non riesce a saltare mai l’uomo, con il risultato che Dybala è costretto ad arretrare molto il suo raggio d’azione e Mandzukic a defilarsi in fascia per supportare lo svizzero.

La conseguenza è che l’area calabrese è spesso svuotata e la lunga manovra bianconera fatica a trovare sbocchi.

Nel secondo tempo la partita si sblocca quasi subito con Barzagli che serve un gran pallone a Mandzukic al minuto numero 52, col croato bravissimo a mettere in rete di testa l’assist del centrale azzurro.

Poco dopo arriva anche il raddoppio del neo entrato De Sciglio che di destro fa un grandissimo gol dal limite dell’area al 60°, sugli sviluppi di un angolo.

Dopo questo 1-2 il Crotone è sostanzialmente fuori dalla partita e c’è tempo per salutare il 3-0 di Benatia al 71° e gli innumerevoli tentativi di Dybala di trovare la gioia personale che però gli è negata da Cordaz e da un po’ di imprecisione.

Finisce quindi 3-0 una partita dominata dalla squadra di Allegri, che ha dato l’impressione di aver gestito il match dal primo minuto ma che nella prima parte di gara ha trovato delle difficoltà dovute allo scarso dinamismo e a un giropalla davvero troppo lento.

Venerdì c’è il Napoli e la prova per i bianconeri sarà ben più dura, soprattutto in considerazione del fatto che si gioca al S. Paolo e che la squadra di Sarri sta vivendo un momento fantastico.

Rocco Pindilli

Radio Rete
Radio di intrattenimento in onda 24 ore su 24 con una programmazione varia e interessante! Si tratta di musica, attualità, calcio, motori, videogames e tantissimi aneddoti dei nostri simpaticissimi e amatissimi speaker!
http://www.radiorete.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *