Articoli Rocco Pindilli

MATCH REPORT: CHIEVO – JUVENTUS 0-4

1785690-37711091-2560-1440

 

Allo stadio Bentegodi di Verona va in scena il “launch match” della 22° giornata della Serie A Tim. Si affrontano Juventus e Chievo, coi bianconeri alla ricerca della 12° vittoria consecutiva in campionato, che oltre a permetterle di eguagliare il precedente record dell’annata di Conte, gli consentirebbe di andare momentaneamente in testa al campionato, cosa mai accaduta questa stagione.

LE FORMAZIONI

Nella Juve riposa Chiellini, mentre la rosa del Chievo è in difficoltà numerica, complici infortuni e mercato. Allegri schiera nel solito 3-5-2 Buffon in porta, Caceres-Bonucci-Barzagli in difesa, Lichtsteiner-Khedira-Marchisio-Pogba-Alex Sandro a centrocampo e Dybala-Morata davanti. Maran risponde con un 4-4-2 con Bizzarri in porta, Cacciatore-Sardo-Dainelli-Frey in difesa, Birsa-Rigoni-Radovanovic-Castro a centrocampo e Inglese-Mpoku davanti.

LA PARTITA

La Juventus che si presenta a Verona è davvero irresistibile, con la squadra che mostra una condizione psico-fisica veramente eccellente. Dopo appena 5 minuti i bianconeri (oggi in maglia nera) sono già davanti con un gol di Morata, ormai sbloccatosi definitivamente.

Le giocate che mettono in mostra oggi i ragazzi di Allegri sono di altissima qualità. In particolare a mettersi in mostra è un Pogba davvero al top. Il raddoppio arriva quasi a fine primo tempo sempre con il numero 9 spagnolo, che sfrutta una bella giocata sull’asse Dybala-Khedira.

Dopo 10 minuti di respiro all’inizio del secondo tempo, in cui il Chievo prova a uscire e a creare qualche pericolo alla porta di Buffon, la Juve riprende a macinare gioco e sull’asse Pogba-Dybala-Morata crea tantissime occasioni, che culminano nel 3° gol siglato da Alex Sandro, dopo un’azione bellissima in transizione.

Il 4° gol porta la firma di Paul Pogba, oggi salito in cattedra e autore della sua miglior partita stagionale.

Altre occasioni con una traversa di Alex Sandro e un incrocio dei pali di Pogba (giocata da vedere e rivedere fino alla nausea) concludono la partita con 3 punti conquistati e record eguagliato.

IL COMMENTO

Per commentare questa partita basterebbe snocciolare i numeri impressionanti prodotti dalla Juve, con un 70% di possesso palla, 25 tiri totali di cui 11 in porta, 4 gol e 2 legni.

Più di questi numeri però a impressionare è la qualità delle giocate messe in mostra dai ragazzi di Allegri.

Il mister livornese ripete come un disco rotto da agosto 2014 la stessa frase, cioè “la squadra deve giocare bene tecnicamente”; questa è sicuramente la partita in cui la squadra si è avvicinata di più al concetto espresso dal tecnico.

Rocco Pindilli

Radio Rete
Radio di intrattenimento in onda 24 ore su 24 con una programmazione varia e interessante! Si tratta di musica, attualità, calcio, motori, videogames e tantissimi aneddoti dei nostri simpaticissimi e amatissimi speaker!
http://www.radiorete.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *