Articoli Rocco Pindilli

MATCH REPORT: JUVENTUS – GENOA 2-0

@foto by lastampa.it

All’Allianz Stadium Juventus e Genoa si affrontano per l’ultimo ottavo di finale della Tim Cup, per decidere la sfidante del Torino ai quarti. Per l’esordio stagionale nella coppa nazionale Allegri si affida a un massiccio turnover, riproponendo il 4-3-3 che ha fatto le fortune delle ultime partite. In porta viene confermato Szczesny; difesa a quattro con Lichtsteiner, Rugani, Barzagli e Asamoah; a centrocampo giocano Sturaro, Marchisio e Bentancur e il tridente offensivo è composto da Bernardeschi, Dybala e Douglas Costa.

Ballardini risponde schierando un 3-5-1-1 con Lamanna in porta, Biraschi, Rossettini e Gentiletti in difesa, Lazovic, Omeonga, Cofie, Brlek e Laxalt a centrocampo, con Centurion a supporto di Galabinov unica punta.

La partita si sviluppa secondo i piani di Allegri: la Juve opta per un pressing molto alto dei tre attaccanti supportati in particolare da Bentancur e Sturaro. Il recupero alto del pallone favorisce il proliferare di occasioni da gol, che nel primo tempo sono molte. Serve quasi un tempo però alla Juventus per trovare il vantaggio, perchè l’imprecisione delle punte e un ottimo Lamanna negano più volte il gol ai vivacissimi Douglas Costa, Dybala e Bernardeschi.

E’ proprio la Joya a trovare la rete al 42°, sugli sviluppi di una bellissima azione chiusa con un velo di Lichtsteiner e un sinistro a giro imparabile del numero 10 bianconero.

Finisce così un primo tempo in cui il Genoa non ha saputo reagire all’impostazione tattica della partita dei detentori del trofeo.

Nel secondo tempo qualcosa cambia: la Juve abbassa i ritmi, la palla gira più lentamente e il Genoa prende campo, andando anche vicino al gol con Galabinov.

Allegri corre quindi ai ripari e inserisce Higuain, che al 76° chiude i conti su assist ancora di Dybala.

Il mister bianconero non è tranquillo e ha ragione, perchè la tanta sufficienza della squadra nel gestire gli ultimi minuti regala qualche brivido di troppo per una partita che è stata fondamentalmente dominata per larghi tratti della partita.

Finisce così, con la Juve ai quarti nel derby col Toro e con Allegri molto arrabbiato.

Il Genoa visto in campo in questa sfida non è stato in grado di tenere botta soprattutto nel primo tempo, mentre la Juve ha mollato un po’ troppo presto dal punto di vista mentale.

Continua in ogni caso la serie di partite senza subire gol per i bianconeri, che portano la striscia a sette.

Striscia che sarà messa a dura prova sabato, quando a Torino arriverà la Roma per l’ultimo big match del 2017 con entrambe le squadre che vogliono chiudere l’anno in bellezza.

Rocco Pindilli

Radio Rete
Radio di intrattenimento in onda 24 ore su 24 con una programmazione varia e interessante! Si tratta di musica, attualità, calcio, motori, videogames e tantissimi aneddoti dei nostri simpaticissimi e amatissimi speaker!
http://www.radiorete.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *